cibo
05-09-2018

10 fatti bizzarri sul cibo che (forse) non conoscevate

Sicuri di sapere tutto ciò che si deve sapere sugli alimenti che consumiamo regolarmente tutti i giorni? Il mondo del cibo nasconde infatti grandi segreti e altrettante buffe rivelazioni: eccone alcune.

1. Le banane sono bacche, le fragole no

Per essere definita bacca, in senso botanico, un frutto deve nascere da un singolo fiore e contenere molteplici semi. La denominazione è molto chiara in inglese, con molti frutti che terminano in -berry (blueberry, cranberry ecc.). Ma c’è anche un po’ di confusione: le fragole (strawberries) e i lamponi (raspberries) non sono bacche, ma in realtà dei frutti singoli agglomerati assieme. Al contrario sono bacche in senso botanico le banane, ma anche le melanzane, le arance e l’uva.

2. Il ketchup era una medicina

Nell’Ottocento la salsa ottenuta dai pomodori era utilizzata, un po’ come la Coca-Cola, come un tonico e una medicina vera e propria per curare soprattutto la diarrea nei bambini. Il ketchup era venduto anche in pastiglie ma quando emerse uno scandalo su un’enorme partita di compresse contraffatte l’usanza venne progressivamente meno.

3. Il cioccolato bianco non è cioccolato

Anche se la sua denominazione è ormai tradizionalmente questa, il cioccolato bianco non può definirsi un cioccolato vero e proprio perché non contiene parti effettive della pianta di cacao, ma solo il suo burro, che gli conferisce tale colorazione tipica.

4. Il wasabi non è wasabi

Molti conosceranno il wasabi come la pasta piccante usata come accompagnamento di sushi e sashimi nei ristoranti giapponesi. La realtà però è che il wasabi, una particolare varietà verde di rafano, cresce in quantità molto limitate in Giappone. Dunque quello che si trova in commercio non è spesso l’alimento originale ma semplicemente del rafano tradizionale con del colorante.

5. Le arachidi sono esplosive

Le arachidi sono un ingrediente fondamentale per la realizzazione della dinamite: dal loro olio si ricava infatti il glicerolo, utilizzato per creare la nitroglicerina, ovvero la sostanza esplosiva fondamentale per la realizzazione appunto della dinamite.

6. L’acqua non scade

Anche se sulle bottiglie di acqua minerale è indicata una data di scadenza questo non significa che sia l’acqua stessa a deteriorarsi. Non contenendo zuccheri o altre sostanze deperibili l’acqua potrebbe essere buona in eterno, solo che cambia la sua struttura chimica venendo esposta alle sostanze contenute nella plastica della bottiglia.

7. I pretzel pregano

La forma intrecciata del pane bruno e salato tipico delle valli alpine è dovuta al fatto che si voleva ricreare nel loro aspetto la forma di due braccia giunte in preghiera.

8. Le carote sono viola

In origine la varietà più diffusa di carote al mondo era di colore viola, ma si è preferito poi coltivare la varietà arancione che è quella divenuta ormai canonica. Già che ci siamo, le carote baby non esistono in natura ma sono solo carote normali opportunamente tagliuzzate.

9. Le mandorle non sono frutta secca

Siamo abituati ad accumunare le mandorle alle noci, nocciole e altre frutta secca di questo tipo. In realtà sono semplicemente il frutto del fiore di un albero, il mandorlo appunto, molto più vicine dal punto di vista botanico dunque alle rose e alle orchidee.

10. Lo spam è prosciutto

Perché la pubblicità indesiderata si chiama spam? Il nome deriva da una particolare marca di prosciutto in scatola, chiamata Spam come abbreviazione di spiced jam. Poi i comici inglesi dei Monty Pyton utilizzarono in modo ossessivo la parola in un loro sketch e da lì nel mondo di internet si diffuse come termine per indicare qualcosa di ripetitivo, insistente e fastidioso.