dina
26-02-2020

Anche al ristorante Dina si usano gli Yums

Se siete degli utenti assidui di TheFork allora sicuramente conoscete i punti Yums, i punti fedeltà della piattaforma: ogni prenotazione in un ristorante, infatti, vi permette di accumulare punteggio che sarà poi trasformato in un golosissimo sconto. Gli sconti vanno poi impiegati in uno dei tanti locali che partecipano all’iniziativa e accettano dunque gli Yums: fra questi c’è anche il ristorante Dina di Gussago, in provincia di Brescia.

A pochi minuti da Brescia, in piena Franciacorta, il ristorante Dina vi attende: “Dina è il mio sogno e, se tu sei qui, ne stai facendo parte” dice lo chef Alberto Gipponi, che qui esprime tutto il suo estro e la sua creatività in una successione di ambienti dal design ricercato, dove si alternano pareti bianche colorate di opere d’arte oppure i mattoni grezzi di copertura. Dopo una formazione in situazioni di pregio come l’Orsone a Cividale del Friuli di Joe Bastianich e l’Osteria Francescana a Modena di Massimo Bottura, Gipponi apre il suo ristorante dei sogni nel 2017 e già nel 2019 finisce fra le segnalazioni della Guida L’Espresso.

La sua cucina, per stessa ammissione dello chef, è unica, originale, irripetibile e non per tutti: è un’esperienza forte e gli accostamenti sono frutto della personalissima visione di Gipponi, tanto che i nomi dei piatti in menu sono talmente criptici che solo la sua narrazione riesce a svelare abbinamenti, connessioni logiche, fantasie d’ispirazione. Fortunatamente ci sono i menu degustazione, da 60 a 95 euro, che guidano attraverso specialità di tutto rispetto: dal pane sfogliato, spuma di Grana Padano e gelato di cipolla rossa in carpione alle lumache con prezzemolo e senape, dal salmerino, lime e bieta alla seppia con kimchi e dattero.

Pronti a fare un percorso fra le 5 stanze fantasiose e pittoresche del ristorante Dina? Su TheFork la prenotazione (obbligatoria qui) diventa facilissima!