10-05-2018

Cena Insider con vista a Firenze: i ristoranti da provare

Articolo di Carmela Adinolfi

Mangiare bene è essenziale, certo. Ma farlo in una location bella e accogliente è sicuramente un valore aggiunto. Se poi c’è anche un panorama mozzafiato allora il pasto diventa un’esperienza multisensoriale, che stimola non solo il gusto e l’olfatto ma tutti e cinque i sensi. Ed è quello che accade quando si pranza (o si cena) con vista in alcuni dei ristoranti Insider di TheFork a Firenze. 

La terrazza del Sesto on Arno con vista sui tetti e le cupole di Firenze offre uno scorcio inedito sulla città. Il ristorante all’ultimo piano dell’hotel Excelsior, in piazza Ognissanti, è uno dei rooftop più ambiti. E non solo per il panorama. Ad attrarre, e incuriosire, è la cucina di chef Matteo Lorenzini, che combina tradizione ed esperienze di viaggio.

Dall’altro lato del fiume, a piazzale Michelangelo, La Loggia abbraccia con uno sguardo tutto lo skyline del centro storico. La posizione privilegiata della terrazza e i piatti di Rocco Caprarella sono un binomio di cui è difficile non conservare un buon ricordo. Da provare la pasta fresca fatta in casa, oltre alle varie proposte di secondi, sia di terra che di mare.

Uscendo dal centro, e spostandosi sulle colline, la “vista dall’alto” si fa ancora più emozionante, affascinante e piena di storia. A Lo Strettoio, in via di Serpiolle, c’è la vera cucina toscana. Dagli antipasti ai dolci in questo antico palazzo fortificato del 1200 che sorge su uno dei colli che circondano la città si mangia nel segno della tradizione, coccolati dalle immagini di una Firenze da cartolina che si staglia all’orizzonte. Qui si trova la bistecca, che domina un menù fatto di salumi, paste e vini tutti rigorosamente toscani.

Sempre sui “colli”  – per dirlo alla maniera fiorentina – in località Marignolle c’è Il Conventino: altro giro, altra vista panoramica. In lontananza la Cupola del Duomo e il Campanile di Giotto. Nel piatto tanta cucina regionale, ma rivisitata e reinventata. C’è la ribollita, il piccione, il risotto con la zucca gialla, la guancia di manzo. Il tiramisù e i cantucci, accompagnati dal Vinsanto. Da inzuppare e assaggiare ammirando le bellezze della città perla del Rinascimento.

A proposito di Carmela Adinolfi

Classe 1989. Giornalista professionista dal 2017, collabora con La Repubblica dalla redazione di Firenze. Lavora come freelance occupandosi di food, attualità e società.