05-06-2018

Cene d’estate fra le fresche frasche: mangiare all’aperto a milano

Articolo di Marina Bellati

Chi dice che Milano è una città tutta auto e cemento probabilmente è distratto o non conosce gli angoli verdi, a volte nascosti, della città. E in questo senso anche molti ristoranti – fra terrazze, giardini nascosti, pergolati e cortili – sanno offrire, oltre a una buona cucina e accoglienza, il piacere di pranzare all’aperto. Così, visto l’arrivo della bella stagione, abbiamo pensato di fare una veloce carrellata sui ristoranti milanesi dotati di spazi all’aperto. Un elenco non certo esaustivo, ma che può dare un assaggio dei non pochi locali che riservano il piacere di un pasto en plein air.

Al Fresco

Cominciamo con Al Fresco, in via Savona, un ex magazzino oggi ristorante circondato da un meraviglioso giardino che alterna zone fiorite, alberi, aiuole di erbe aromatiche. Molto suggestivo, soprattutto di sera.

L’Antica Osteria il Ronchettino, che nel 1600 era una stazione di cambio dei cavalli, ora è un ristorante curatissimo e circondato da un grande giardino e un bel cortile dove d’estate si mangia all’aperto. E non perdetevi la loro cotoletta “orecchia d’elefante”…

Leggi di più su Antica Osteria il Ronchettino 

Bistrot Martini Dolce & Gabbana

Per chi invece desidera restare nel cuore pulsante della città, c’è il Bistrot Martini Dolce & Gabbana, all’inizio di Corso Venezia, che offre lo chic di un cortile riservato al locale, in una casa d’epoca. Very very fashion! E per restare in locali trendy, dove l’unicità della location si accompagna alla classe di uno chef di assoluto livello come Elio Sironi, potete salire da Ceresio 7 (l’indirizzo è pure il nome del locale): la sua grande terrazza offre una spettacolare vista sui nuovi grattacieli cittadini ed è dotata di due piscine che ne fanno una location esclusiva. Le piscine sono aperte da giugno a settembre, ma tutto l’anno si può godere dello spazio all’aperto, anche solo per un aperitivo. 

Per gli amanti della cucina etnica, vale la pena di andare da Finger’s Garden (via Keplero), unendo il piacere di gustare raffinati piatti dello chef nippo-brasiliano Roberto Okabe nel vasto giardino all’orientale del ristorante. Una antica cascina, sopravvissuta a casermoni e cementificazione e da qualche anno tornata a nuova vita è Cascina Cuccagna, a pochi minuti da Porta Romana. Qui c’è il ristorante Un posto a Milano, con una luminosa veranda, tavolini colorati e affaccio sul giardino e dehors estivo, fra alberi da frutta e orto urbano.

Trattoria Bertamè

E finiamo questa piccola carrellata con la Trattoria Bertamé (via Lomonaco), sorta accanto alla storica omonima officina. Un locale accogliente dove sono esposti memorabilia legati al mondo dei motori, che gode di un bel cortile interno ombreggiato da uno spettacolare glicine, per romantiche e fresche cene o pranzi all’aperto.

 

 

A proposito di Marina Bellati

Milanese, giornalista, si occupa di gastronomia e ristorazione da vent’anni, collaborando con testate quali Ristoranti, Bargiornale, La cucina Italiana, Grande Cucina, Dove, Libero. Cura la stesura di libri dedicati a cucina e pasticceria.