21-04-2018

Che cos’è il food design?

C’è una frase molto famosa del geniale designer Bruno Munari che recita: “L’uovo ha una forma perfetta benché sia fatto col c*lo“.

Durante la Milano Design Week è interessante soffermarsi sulle relazioni fra il cibo e, appunto, il design. Tanto interessante che in questi anni il food design è una tendenza che sembra aver invaso sempre più i trend del momento. Ma che cos’è realmente?

È complicato dare una definizione univoca di food design in quanto è un area che comprende moltissimi aspetti e discipline. Non riguarda soltanto, infatti, la progettazione di particolari piatti o alimenti, ma arriva a inglobare tutte le situazioni che si associano alla degustazione degli alimenti. Quindi non sono esempi di food design solo le tavolette di cioccolato o i coni gelato (ormai forme iconiche e archetipiche), ma anche i piatti da portata a tavolozza oppure gli ambienti disegnatissimi di alcuni ristoranti.

Così il food design si trova all’incrocio fra la biologia, l’antropologia, la sociologia, le scienze dell’alimentazione e ovviamente anche al disegno industriale. Al suo interno troviamo sottodiscipline come il design with food, che interpreta il cibo come oggetto di design e i suoi ingredienti come i materiali che lo compongono, oppure l’eating design, che prevede uno studio del momento e dell’esperienza stessa di mangiare un alimento, per non parlare del design for food, ovvero di tutti gli oggetti concepiti per rapportarsi al cibo (piatti, bicchieri, posate, tovaglie, taglieri, tavoli, sedie ecc.).

Alcuni intendono il food design come mero impiattamento o abbellimento delle pietanze, in realtà c’è dietro un lavoro di progettazione e di studio dell’esperienza alimentare a tutto tondo. Dai piatti dei grandi chef stellati alle tecniche di cottura con l’azoto liquido, dalla miniaturizzazione degli alimenti alle tazzine-biscotto, dalle posate innovative ai sistemi interattivi di gestione delle provviste, fino ai packaging più performanti, tutto può rientrare nel food design. Ed è anche questo il suo aspetto più affascinante.