31-10-2017

I ristorati premiati dalle guide 2018

Come ogni anno in questo periodo stanno uscendo le Guide gastronomiche dedicate ai ristoranti migliori d’Italia, che più degli altri negli scorsi mesi si sono distinti per qualità e creatività. È grande dunque la curiosità con cui addetti del settori e semplici appassionati di cucina scorrono queste liste per trovare le novità da scoprire o approfondire nel 2018. Noi ve le segnaliamo qui di seguito.

Le novità 2018 del Gambero Rosso

Forse la più prestigiosa guida gastronomica d’Italia, il Gambero Rosso è sempre una certezza. Anche quest’anno ha premiato i migliori ristoranti della nostra penisola con le sue tre forchette: al primo posto c’è il Reale Casadonna (foto a lato) dello chef Niko Romito a Castel di Sangro (L’Aquila), che spodesta come miglior ristorante italiano l’acclamato Osteria Francescana di Massimo Bottura, che è al secondo posto pari merito con la Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri. Seguono il Piazza Duomo di Alba, Villa Crespi a Orta San Giulio (il ristorante di Antonino Cannavacciuolo) e il Don Alfonso 1890 di Sant’Agata dei Due Golfi (Napoli).

Molti i nuovi ristoranti che si sono aggiudicati per la prima volta le tre forchette: si va da Agli Amici dal 1887 (Udine) all’Atman a Villa Rospigliosi (Pistoia), dall’Enrico Bartolini Mudec Restaurant (Milano) fino al Da Caino (Montemerano, Grosseto), dal D’O di Davide Oldani (Cornaredo, Milano) al Duomo di Ragusa Ibla; concludono le new entry l’Imàgo dell’Hotel Hassler (Roma), il Miramonti l’Altro (Concesio, Brescia) e il Pagliaccio (Roma).

Lo novità 2018 della Guida L’Espresso

Altro prestigioso punto di riferimento per scoprire i migliori ristoranti italiani è la Guida L’Espresso, pubblicata dall’omonimo gruppo editoriale. L’edizione 2018 è fra l’altro molto speciale perché sancisce il quarantesimo anniversario della guida, che quest’anno ha assegnato il Cappello d’Oro a 10 ristoranti considerati i grandi classici della ristorazione italiana: il Caino di Montemerano, il Colline Ciociare di Acuto, il Dal Pescatore di Canneto sull’Oglio, il Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi, l’Enoteca Pinchiorri di Firenze, il Lorenzo di Forte dei Marmi, il Marchesi alla Scala di Milano, il Miramonti l’Altro di Concesio, il San Domenico di Imola, il Vissani di Baschi.

Ad aggiudicarsi il massimo riconoscimento dei cinque cappelli, invece, sono: il Casadonna Reale di Castel di Sangro, il Le Calandre di Rubano, l’Osteria Francescana di Modena, il Piazza Duomo di Alba e l’Uliassi di Senigallia.

Scopri i ristoranti d’Italia più vicini a te: vai sul sito di TheFork!