migranti
15-10-2019

Gustamundo a Roma, cucina multietnica e solidarietà

Un ambiente colorato, variegato e internazionale, così come lo è il progetto sociale che vi sta alla base: stiamo parlando di Gustamundo, un ristorante di Roma che fa della sua missione di integrazione un ingrediente fondamentale del proprio menu. L’obiettivo? Proporre appunto l’integrazione e la conoscenza dell’altro proprio passando dalla cucina del mondo:

Grazie alla collaborazione con molti centri di accoglienza e di alcune onlus, Gustamundo organizza cene multietniche dando la possibilità alle persone giunte in Italia dai paesi più svantaggiati di prepararle. Avendo l’occasione concreta di lavorare in cucina, i migranti potranno vivere un momento di serenità e di aggregazione, ma soprattutto di poter condividere le loro esperienze culinarie con tanti italiani curiosi, portando sulla tavola i sapori della loro terra d’origine. Al servizio ristorante, poi, si aggiunge il catering ma anche il progetto In cammino, con la possibilità di “prestare” il lavoro degli amici chef ai ristoranti o ai privati che vogliano realizzare speciali serate di cucina etnica.

E come potrebbero essere i piatti qui se non saporiti, colorati e provenienti da ogni parte del globo? Immancabili sono i tamales, sfoglie di farina di mais riempite con gli ingredienti più vari, specialità preparate dalle donne della comunità latinoamericana di Roma. In più, fra le tante proposte, ci sono l’hummus dalla Siria, la sambusa dalla Somalia, il babaganoush dalla Palestina, e ancora il moi moi nigeriano, lo ziginì eritreo, il dorma di pollo pakistano e per concludere i baklava marocchini. Insomma un mondo di sapori che non finiscono mai di sorprendere, ma soprattutto di aiutare in modo spontaneo e familiare lungo quel difficile e complesso percorso che è l‘integrazione.

Volete provare anche voi l’esperienza del Gustamundo? Si può prenotare comodamente anche su TheFork