17-06-2019

I Top Chef di TheFork: Matteo Fronduti di Manna

Fra i tantissimi ristoranti presenti su TheFork, la selezione INSIDER vi aiuterà a orientarvi fra quelli più apprezzati dalle guide gastronomiche e dalla nostra community più esigente. Si tratta sempre di indirizzi che si distinguono per qualità e originalità, com’è sicuramente il caso di Manna di Matteo Fronduti a Milano, un luogo davvero sorprendente dove all’immagine si preferisce di gran lunga la sostanza:

Aspetto burbero e un po’ minaccioso, poche parole ma sempre schiette: questa è la prima impressione che fa Matteo Fronduti, chef che oltre alle apparenze bada alla sostanza e soprattutto a una concezione ironica e perfino dissacrante della cucina. Manna è un locale anch’esso senza fronzoli, dagli arredi minimali e un affaccio su una delle piazzette pedonali più suggestive del nord di Milano, a pochi passi dalla zona in fermento che è NoLo. Qui si sovvertono tutte le regole della ristorazione di pregio: via il coperto che non si paga, largo alle mezze porzioni e persino al vino portato da casa (su cui si paga il diritto di tappo).

Non che qui la scelta enologica sia limitata: la carta dei vini conta un centinaio di etichette, tutte provenienti da piccoli produttori italiani, con l’eccezione ovvia degli champagne. E se non si termina al tavolo la bottiglia che è stata aperta la si può portare a casa. Un altro motivo per apprezzare la genuinità del locale di Fronduti, dove conta soprattutto l’esperienza conviviale e di gusto. Insomma una cucina che non si prende sul serio prendendosi tantissimo sul serio, a partire dai nomi dei piatti che sono tutto un programma.

Si va dall’Incendio nel porcile che è la pancia di maiale affumicata, cavolo rosso sottaceto e rafano al Quasi Milano, ovvero riso allo zafferano con pavé di midollo crudo; ci sono poi il Tutto fumo (spaghetti alle cime di rapa, rafano e aringa affumicata), il Riassunto di cassoeula o ancora il Caviale? Finito! (cioè trancio di storione, funghi e salsa cacciatora). Il menù però qui varia in continuazione, per assecondare stagionalità dei prodotti e fantasia dello chef, che si diverte a dissacrare i grandi classici della cucina italiana e soprattutto a fare accostamenti arditi ma sempre di grande effetto.

Volete provare altri ristoranti della proposta INSIDER oltre al Manna? Su TheFork tante altre opzioni