gennaio
24-12-2018

Identità Golose by TheFork, ecco le cene di gennaio

Anche con il nuovo anno continua il particolarissimo percorso di Identità Golose Milano – powered by TheFork. La sua formula composta da pranzi a menu fisso e cene che cambiano ogni sera, di volta in volta affidati a grandi nomi della cucina italiana, prosegue con grande successo. Prenotate sul sito di Identità Golose o su TheFork per essere sicuri di avere un posto nella serata che vi interessa di più: ecco il programma di gennaio.

La Cucina di Nicola Portinari | La Peca, Lonigo, Vicenza (9-12 gennaio)

Un viaggio prelibato alla volta di Lonigo, dove da oltre trent’anni prosegue la storia della famiglia Portinari e del loro ristorante, due stelle Michelin. La Peca, ovvero, in veneto, “l’impronta”, ha effettivamente lasciato il segno nella ristorazione vicentina, grazie ai ritratti del territorio dipinti con mano sincera dai fratelli Nicola, in cucina, e Pierluigi, in sala.

Identità a mano libera: il menu di Andrea Ribaldone e Alessandro Rinaldi (14-15, 21-22, 28-29 gennaio)

Un menu speciale, che cambierà spesso con la proposta di nuove golose sorprese, firmata dal coordinatore delle cucine di Identità Golose Milano Andrea Ribaldone e dal resident chef Alessandro Rinaldi.

 

 

 

 

 

 

La cucina di Marco Stabile | Ora d’Aria, Firenze (16-19 gennaio)

All’Ora d’Aria, il ristorante (una stella Michelin) del quale Stabile è chef-patron, c’è gusto, tecnica, pensiero, complessità, innanzitutto tanta qualità. Un luogo che dimostra un impegno costante nel promuovere la propria tavola insieme regionale e italiana, con fantasia, cultura, ricerca, andando ben oltre qualsiasi riproposizione pedissequa della tradizione.

 

 

 

La cucina di Domingo Schingaro | Due Camini a Borgo Egnazia, Fasano, Brindisi (23-26 gennaio)

Il mare interpretato da Domingo Schingaro, che dopo Identità Expo ha preso in mano la cucina del Due Camini, ossia l’indirizzo gastronomico del resort pugliese Borgo Egnazia, dove ha potuto dimostrare tutto il suo talento. Tanto brillante da essersi illuminato con la prima stella Michelin, arrivata a novembre 2018.

 

 

La cucina di Valeria Piccini | Da Caino, Montemerano, Grosseto (30 gennaio-2 febbraio)

Valeria Piccini, cuoca icona della gastronomia maremmana, dopo molti anni di grande lavoro non si stanca di raccontare la sua terra, piatto dopo piatto. La sua è una storia di eccellenza, premiata con due stelle Michelin dal 1999, partita dalla passione e dalla voglia costante di migliorarsi. Caratteristiche che descrivono lei come il suo compagno di vita, in tutto e per tutto, Maurizio Menichetti. Il risultato è una tavola tra le più affascinanti d’Italia, in cui modernità e tradizione parlano la stessa, golosa, lingua.