identità golose
18-02-2019

Identità Golose by TheFork, le cene di marzo

Continua il successo della formula adottata da Identità Golose powered by TheFork, il ristorante che è anche un hub enogastronomico che si può prenotare solo sul sito ufficiale o su TheFork. Oltre ai pranzi a menu fisso, infatti, il locale di Milano continua a offrire alla sua clientela una ricca e suggestiva programmazione che alterna ai resident chef le proposte di cuochi invitati dai ristoranti di tutta Italia e di tutto il mondo. Anche a marzo 2019 protagonisti grandi nomi della ristorazione, che si riuniscono qui solo per Identità Golose.

Cucina a 5 stelle | Belmond Hotels (27 febbraio-2 marzo)

Continua fino al 2 marzo l’esplorazione della cucina vista attraverso il gusto di chi si occupa della catena Belmond, che riunisce 46 hotel iconici, treni e crociere fluviali in tutto il mondo. Protagonisti quattro chef di altrettanti ristoranti del gruppo, di cui due premiati da una stella Michelin: l’italiano Davide Bisetto dell’Oro del Belmond Hotel Cipriani, Venezia e Luís Pestana, originario dell’isola di Madeira, dove guida il William’s del Belmond Reid’s Palace. Con loro anche Roberto Toro del ristorante Otto Geleng del Belmond Grand Hotel Timeo a Taormina e Mimmo di Raffaele del ristorante Belvedere del Belmond Hotel Caruso a Ravello.

La carta di Identità Golose Milano | Andrea Ribaldone e Alessandro Rinaldi (4-5, 11-12 marzo)

La carta firmata dagli chef Andrea Ribaldone e Alessandro Rinaldi propone una scelta che va dai classici di Identità Golose Milano, come lo Spaghettone Monograno Felicetti nelle varie declinazioni e la Milanese Identità, alle pizze di Franco Pepe, per concludere in dolcezza con i dessert di Gabriele Tangari. In più ogni settimana gli chef proporranno piatti inediti e speciali che arricchiranno ulteriormente l’offerta.

L’eccellenza Joselito e la cucina dello chef Juan Antonio Medina | A’ Barra, Madrid (6-9 marzo)

Joselito è un marchio di eccellenza ormai famoso in tutto il mondo: nato nel 1868 a Guijuelo, nella provincia di Salamanca, Castilla y León, oggi è simbolo supremo del jamón iberico, presente in 56 Paesi diversi. Nel settembre del 2016 la famiglia Gomez che ha dato vita a questa deliziosa storia ha aperto un ristorante a Madrid, chiamato A’ Barra, affidato alla guida di Juan Antonio Medina e subito premiato da una stella Michelin. Nella proposta dell’insegna c’è, su tutto, la materia prima, perché «senza tradizione non c’è avanguardia». Con lo stesso approccio Joselito e Medina saranno protagonisti d’eccezione di queste quattro cene a Identità Golose Milano.

La cucina di Cristoforo Trapani | La Magnolia dell’Hotel Byron, Forte dei Marmi (13-16 marzo)

Cristoforo Trapani, classe 1988 di Piano di Sorrento (Napoli), ha raccolto, in una manciata di anni dedicati alla cucina, esperienze molto importanti: Heinz Beck, Antonino Cannavacciuolo, Moreno Cedroni, Davide Scabin, Mauro Colagreco… Poi a Forte dei Marmi, e in particolare all’Hotel Byron, 5 stelle lusso che ospita il ristorante Magnolia, ha trovato lo spazio per esprimere fino in fondo il suo talento. La sua è una cucina nel contempo raffinata e di sostanza, che ha come primo obiettivo l’esaltazione del sapore puro di ogni ingrediente. E che ha come protagonista assoluto la pasta, in particolare quella secca, che Trapani propone anche in chiave dolce.