25-03-2020

Il ristorante di Batman e gli altri più strani del mondo

In questi tempi in cui non possiamo andare al ristorante (perché #iorestoacasa), non ci resta che viaggiare con la fantasia. E a dire il vero nel mondo esistono ristoranti così bizzarri e originali da superare anche la più fervida delle immaginazioni. Ultimo in ordine di tempo? Ma quello londinese ispirato a Batman, ovviamente:

Come racconta anche Forbes, infatti, da questa primavera a Londra arriverà Park Row (foto sotto), un complesso di ristoranti che promette ai suoi clienti un’esperienza immersiva completamente ispirata alle atmosfere dei fumetti Dc Comics, la casa editrice americana che pubblica i fumetti di Superman, Batman & co. Il locale sarà organizzato secondo cinque ambienti, ognuno organizzato in base a un personaggio delle storie dell’Uomo pipistrello: scesi nella Bat caverna, per cominciare, ci si ritrova al Pennyworth (cognome di Alfred, il maggiordomo di Bruce Wayne), dove gustare piatti della tradizione britanica.

batman

Si continua poi con l’Iceberg Lounge legato a uno dei nemici storici di Batman, Pinguino: si tratta di un lounge bar e ristorante con menu internazionale e intrattenimento dal vivo, in pieno stile Art Déco. Si prosegue poi con il ristorante omakase a ispirazione orientale dedicato a Harley Quinn, l’irriverente compagna di Joker, e con il cocktail bar Old Gotham City. Infine c’è il Monarch Theatre, il più lussuoso e particolare in cui godere di un menu degustazione multisensoriale immerso in una proiezione visiva a 360°.

Follie dal mondo

Ma questo di Batman non è di certo l’unico ristorante bizzarro al mondo. Ne fa una lista Agrodolce che cita locali strampalati come il Brick Burger nelle Filippine, dove si servono panini col pane a forma di costruzioni Lego, o l’Hello Kitty Grand Cafè Irvine in California, tutto decorato come la gattina giapponese Hello Kitty. Ancora c’è il Lumus & Nox nella cittadina canadese di Guelph, dove rivivere le atmosfere di Harry Potter, o il Modern Toilet Restaurant di Taiwan in cui cenare comodamente seduti “al wc”.

Foto: Park Row