Pexels
07-10-2020

La Festa del Cinema a Roma: dove mangiare

Grande attesa a Roma per la Festa del Cinema, che quest’anno più che mai ruota intorno ai temi della passione, della scoperta e delle emozioni. Giunto alla 15° edizione, il Festival previsto dal  15 al 25 ottobre offre quest’anno un programma ricchissimo e diversificato.

Dopo mesi che hanno messo il cinema a dura prova a causa del lock-down e della prolungata chiusura delle sale, la manifestazione è stata ripensata nel rispetto delle norme anti-contagio: prenotazione via app, accesso solo a chi ha il biglietto, un tappeto rosso “visibile”  solo dall’alto e con ingressi limitati, obbligo di indossare la mascherina e incontri anche in live streaming. Molti gli appuntamenti attesi: due premi alla carriera (Steve McQueen e Pete Docter), il gemellaggio con Cannes, l’omaggio a Ennio Morricone,  20 premiere mondiali e naturalmente l’incontro ravvicinato con Francesco Totti protagonista del documentario Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli. Per chi sta pensando di visitare la città o semplicemente partecipare alla Festa del Cinema ecco anche qualche consiglio goloso.

Nei pressi dell’ Auditorium, teatro della manifestazione sono da provare i ristoranti Mediterraneo al Maxxi, il Cortile del Politecnico , i Sapori del Lord Byron e il Nomad.

Mediterraneo al Maxxi, Roma

Per chi invece desidera esplorare la città sulle orme dei grandi artisti della macchina da presa, allora ecco qualche tappa gastronomica imprescindibile che si riaggancia al grande schermo. Un paio di esempi? L’Osteria Margutta, a due passi da piazza di Spagna, è protagonista del film To Rome with love, diretto da Woody Allen con Penelope Cruz, Roberto Benigni e moltissimi altri attori italiani. Un luogo iconico della romanità, ottimamente raccontata dal regista noto per la sua capacità di catturare lo spirito delle città in cui gira.

Se invece preferite ricordare gli anni d’oro della Dolce Vita, allora dovete andare al ristorante Il Ciak da cui sono passati negli anni ’60 personaggi del calibro di Frank Sinatra, Al Pacino e Francis Ford Coppola.

Suggerimento dello chef - Il Ciak, Roma