21-05-2020

Le letture degli chef (e non solo) in quarantena

In quarantena abbiamo avuto tutti la possibilità di leggere di più e siamo sicuri che molti di voi avranno recuperato libri, film e serie TV a tema cibo. In questo articolo però vi facciamo scoprire i libri più letti in generale in quarantena e le scelte di alcuni grandi chef italiani.

Autori, ebook e audiolibri più letti in quarantena

Se è vero che secondo le statistiche gli italiani leggono poco è anche vero che le lunghe giornate passate a casa nell’ultimo periodo possono aver fatto riscoprire a molti il piacere di un buon libro. Secondo un’indagine di Amazon tra gli autori più ricercati durante il lockdown figurano  Charles PerraultAlessandro Manzoni e Giovanni Boccaccio, mentre gli audiolibri più ascoltati dagli italiani sono stati “La misura del tempo” di Gianrico Carofiglio, “I leoni di Sicilia” di Stefania Auci e “La casa delle voci” di Donato Carrisi. Quanto agli ebook più letti hanno primeggiato “La ragazza della neve” di Pam Jenoff, “Stai calmo e usa le parole giuste nel giusto ordine” di Paolo Borzacchiello e “Harry Potter”, nello specifico l’episodio “Il calice di fuoco”, quarto romanzo della saga high fantasy.

Ma vi siete chiesti cosa hanno letto gli chef?

Per fortuna ce lo racconta il Gambero Rosso! La giornalista Antonella De Santis ha raccolto le letture di alcuni tra i più importanti chef italiani durante il lockdown. Eccone alcune. Massimiliano Alajmo si è dedicato alla lettura de La forchetta da tavola in Europa di Giacomo Lumbroso, Francesco Apreda ha invece letto Mangiare è un atto civico di Alain Ducasse, mentre Andrea Berton ha suggerito il libro La comunicazione è un posto dove ci piove dentro. Perché i libri salveranno il marketing di Roberto Olivi, Guida alla Grande Cucina di Auguste Escoffier e Stelle a tavola di Piero Antolini. Massimo Bottura ha invece optato per romanzi che non riguardano la sfera della cucina e della professione come Peggio di un bastardo di Charles Mingus, Storie di ordinaria follia di Charles Bukowski e Cuore di tenebra di Joseph Conrad.

Se è vero che ci porteremo qualche buona abitudine come la lettura anche in futuro, speriamo che queste letture vi abbiano fornito uno spunto di riflessione per i prossimi mesi nell’attesa (ancora breve) di poter tornare a raccontarceli e commentarli intorno a un tavolo durante una bella cena con i nostri cari.