10-10-2016

Ottobre… cibi di stagione!

Non ci sono più scuse: mentre ci inoltriamo nel mese di ottobre possiamo definitivamente dare il via alla stagione autunnale. Esattamente come le foglie sugli alberi, anche la frutta e la verdura di ottobre si colora di tonalità calde e avvolgenti, come il marrone, l’arancio, il rosso ambrato, il viola. Ecco ad esempio che la protagonista assoluta del mese, da qui fino alla notte di Halloween, è sicuramente la zucca: la sua polpa dalla consistenza e dal gusto unico si presta a mille preparazioni, in più potete riutilizzare anche i semi, seccandoli e salandoli per un gustoso spuntino ricco di Omega3.

Ha proprietà digestive, depurative e antidiabetiche, inoltre è un’altra di quelle verdure dalla versatilità assoluta (ottimo ad esempio alla griglia): è il radicchio, ovviamente, con le sue sfumature che vanno dal rosso al viola intenso. Altri protagonisti da non sottovalutare in alcun modo sono i funghi: ottimi come contorno ma speciali anche per condire paste, carni, antipasti e quant’altro. Questo mese concentratevi nella raccolta (o nell’acquisto) di chiodini e piopparelli, ma attenzione a guardare con attenzione per evitare i funghi velenosi!

Rabarbaro, biete, barbabietole, sedano, fagiolini, zucchine e ravanelli: sbizzarritevi con i tanti prodotti dell’orto che questo particolare periodo propone. E per quanto riguarda la frutta? Anche qui dominano i colori caldi: da una parte i cachi, rosso-arancio dalla polpa dolcissima, in realtà originari di Cina e Giappone ma diffusi anche sulle nostre terre; dall’altra il peculiare melograno, con i suoi tanti semi color rubino, dai quali si possono ricavare anche deliziosi succhi molto nutrienti.

pomegranate-1028703_960_720

Proprio il melograno è il frutto che, nella mitologia, era legato alla nascita dell’autunno e delle altre stagioni: secondo gli antichi Greci, infatti, il dio dei morti Ade aveva rapito e portato negli Inferi la giovane Persefone, figlia di Cerere; quest’ultima, dea dei raccolti, aveva chiesto a Zeus di riavere la fanciulla, ma lei aveva già mangiato sei chicchi del frutto granato. Fu dunque costretta a passare sei mesi all’anno (autunno e inverno) nell’Oltretomba, tornando negli altri sei (primavera e estate) dalla madre Cerere che, per la gioia, faceva rifiorire la natura.

3035638252_38b02e77a3_b

Leggende a parte, la frutta autunnale è variegata, rigogliosa e nutriente: pensate alle tante varietà di pere, mele, prugne e poi i fichi, l’uva e i lamponi, oltre ai più esotici kiwi e ananas. E, per finire con una particolarità, non dimenticate gli alchechengi, piccole sfere lucide di un arancione accesso, ricchissime di vitamina C, utili non solo per guarnire i vostri piatti ma anche da spiluccare con gusto.

Pronti a scoprire i piatti con verdure e frutta di stagione? Su TheFork trovate tantissimi ristoranti con menu stagionali.