08-08-2019

Porto Rotondo On Top, i top chef fra agosto e settembre

L’estate non è ancora finita quindi approfittatene per scorprire Porto Rotondo On Top, l’esclusiva iniziativa che da maggio ha visto alternarsi nella selezionata location sarda una serie di ben 14 top chef che si sono dati il cambio per offrire ogni giorno, a pranzo e a cena, dei menu speciali che rispecchiassero la loro altrettanto speciale filosofia gastronomica. Gli ultimi tre appuntamenti, a cavallo fra agosto e settembre, saranno quelli con Luca Marchini, Emanuele Donaliso e Nikita Sergeev:

Luca Marchini | dal 26 agosto

Protagonista dal 26 al 31 agosto sarà Luca Marchini, lo chef stellato dell’Erba del Re di Modena. Aretino di origine ma dall’età di 17 anni fisso a Modena, lo chef ha assorbito tutta la cultura gastronomica della sua città di adozione, facendo sua una tradizione di esaltazione degli ingredienti e dei sapori che ha saputo innovare con fantasia e originalità. Per Marchini ogni elemento del piatto deve apportare il suo contributo riconoscibile a ogni boccone, dunque l’equilibrio è per lui il principio guida di ogni preparazione. Lo stesso equilibrio che esprimerà nei menu proposti qui.

Emanuele Donaliso | dal 2 settembre

Giovane ma già affermatissimo chef piemontese, Emanuele Donaliso ha lavorato nelle cucine di tutto il mondo, compreso il ristorante londinese 3 stelle di Michel Roux. Tornato in Italia ha voluto sfruttare al meglio le sue ispirazioni internazionali esprimendosi però in un suo stile tutto personale dove la tradizione italiana incontra le influenze estere. Nel suo ristorante Il Giardino del Gusto a Ventimiglia esalta gli ingredienti secondo stagionalità, biodiversità e territorialità, andando dal pescato ligure alle carni piemontesi fino alle erbe selvatiche del territorio. Un mix che si riflette anche nella sua proposta al Porto Rotondo On Top.

Nikita Sergeev | dal 9 settembre

Oggi 27enne, Nikita Sergeev veste la casacca da chef appena da quattro anni abbondanti, ma già abbondanti per far notare la sua tecnica precisa e il guizzo fantasioso che rispecchia la cresta bionda con cui agghinda i capelli. Nato a Mosca, dove la tradizione dell’alta ristorazione è approdata solo di recente, ha assorbito però i gusti locali della tradizione (bacche, funghi, pesci affumicati, anatre), ampliati poi con la sua curiosità internazionale. Colpito in vacanza dall’Italia, viene a studiare qui, finendo anche nella cucina di Gualtiero Marchesi, e a 25 anni apre il suo ristorante, L’Arcade a Porto San Giorgio nelle Marche.

Volete assicurarvi un pranzo o una cena coi menu di questi grandi chef? Prenotate in pochi click su TheFork