13-09-2016

I segreti per un pranzo di lavoro perfetto

Settembre è il mese del ritorno al lavoro. Riprendono gli impegni, le riunioni, le scadenze e con essi anche gli incontri d’affari. A volte, per unire l’utile al dilettevole o addirittura per ottimizzare i tempi, i pranzi di lavoro sono la soluzione migliore per incontrare clienti oppure per prendere decisioni in un’atmosfera semi-formale.

Ma come muoversi senza intoppi in un terreno spesso scivoloso dal punto di vista del galateo e delle relazioni lavorative? TheFork ha pensato a una miniguida essenziale per non farvi cogliere del tutto impreparati al ristorante.

1. Assicuratevi di conoscere tutti

Un pranzo di lavoro inizia ancora prima del pranzo stesso. Stringete le mani, fate le presentazioni, concentratevi a ricordare tutti i nomi. Fare networking in queste occasioni è davvero essenziale.

2. Siate decisi

Va bene consultare con attenzione il menù, ma dimostrate anche di saper prendere decisioni in poco tempo. Fare troppe domande ai camerieri o mostrarsi impreparati al momento dell’ordine può dare una cattiva impressione. E rallentare tutti quanti.

3. Ordinate con criterio

Fate ordinare per primi gli ospiti. Se siete voi gli ospiti ordinate pochi piatti e non eccessivamente costosi, preferibilmente facili da mangiare e in linea con ciò che ordinano gli altri. Dimostrerete di essere attenti e rispettosi di chi pagherà il conto, o di prevedere come si dividerà poi il conto per non creare confusione.

Obama,Biden,Richard_Durbin_and_Steny,Hoyer

4. Vino? Dipende

Nei pranzi di lavoro bere alcool è una scelta delicata. Ci si può accordare con gli altri commensali e, in generale, tenersi leggeri: un bicchiere di vino dalla gradazione non troppo elevata può essere la soluzione ideale. Durante le cene, invece, si può indulgere in qualche bicchiere in più: meglio se si ordina una bottiglia per tutto il tavolo.

5. L’educazione sempre

Durante il pasto, valgono le regole generali della buona educazione a tavola. Niente gomiti o mani sul tavolo, servire per prime le signore, non passare con le braccia sopra i piatti altrui, non parlare con la bocca piena… L’educazione (ma anche la nonchalance) faranno di voi il convitato perfetto.

6. Conversate con moderazione

Ordine ed equilibrio: questi i criteri fondamentali per regolare la conversazione durante un pranzo di lavoro. Fate attenzione a non parlare troppo e a far intervenire tutti i commensali (rispettando, con accortezza e tatto, i ruoli gerarchici). Se si tratta di un pranzo in cui si devono prendere decisioni, spostatevi dalle chiacchiere iniziali alle discussioni più serie con disinvoltura, venendo al sodo.

7. Parlate con rispetto

Non alzate mai la voce e non accavallatevi. Non interrompete le persone che stanno parlano ed evitate di formare piccoli gruppi di conversazione (a meno di tavolate molto grandi). Evitate, se possibile, argomenti scomodi o controversi, soprattutto riguardo politica, etica e religione, per evitare di urtare alcune sensibilità o di scatenare dibattiti inopportuni.

3041553125_b9d7139c02_b

8. Stop al telefono

Nonostante sia un incontro d’affari il telefono dovrebbe comunque essere usato con estrema moderazione e assolutamente non deve essere lasciato sul tavolo. Lo si può utilizzare, per poi riporlo, solo è utile alla conversazione lavorativa. Per quanto riguarda le telefonate, accettate solo quelle estremamente importanti e soprattutto quelle che possono essere utili alla conversazione durante il pranzo stesso.

9. Attenzione al conto

È il momento più delicato, per regolarsi bisogna avere molto chiara la situazione, anche gerarchica, dei presenti al tavolo. Se siete stati invitati, offritevi comunque di dividere ma non insistete se chi ha invitato è stato molto chiaro sulla sua volontà di pagare. Se si è fra pari livello e soprattutto fra colleghi è caldamente consigliato di dividere in parti eque.

10. Concludete al meglio

Ringraziare e salutare cordialmente tutti i commensali è ovviamente fondamentale, con particolare riguardo a chi ha invitato. Durante e poco dopo il caffè si deve tirare le fila di ciò di cui si è parlato, eventualmente fissando un prossimo appuntamento. Dopodiché evitate di parlare di lavoro fino all’ultimo,  salutandovi con cordialità.

Vi sentiti più sicuri ora? Allora scegliete fra i ristoranti più adatti agli incontri d’affari direttamente su TheFork, comodamente nella vostra città.

Milano  Milano          Roma  Roma

Firenze Firenze    Venezia   Venezia