30-03-2020

Ricette etniche facili da cucinare

È vero, la cucina italiana ce la invidiano in tutto il mondo, e mai come in queste ultime settimane ci siamo riscoperti grandi chef. Però c’è anche chi sente la mancanza della cucina etnica che spesso e volentieri ci si godeva al ristorante. Se avete voglia di sperimentare, ecco qualche ricetta etnica facile da cucinare!

Vetkoek

Il Vetkoek (si pronuncia “vetkuk”) è un pane fritto tipico della cucina afrikaner (la traduzione letterale è infatti “torta grassa”). Oltre ad essere molto gustoso è anche versatile: tradizionalmente infatti nonostante sia un piatto salato viene servito sia con carne macinata che con marmellata o miele. Per l’impasto vi serviranno 900 gr di farina, 2 cucchiaini di sale, 1 cubetto di lievito, olio e acqua e va lavorato con la stessa procedura utilizzata per l’impasto del pane. Una volta pronto, lasciatelo lievitare per 45 – 60 minuti. Passato il tempo di lievitazione, formate delle palline (abbastanza grandi da poter essere farcite) e friggetele in una padella antiaderente. Farcite a piacere!

Babaganoush

Se siete amanti delle melanzane non potete non provare il babaganoush. Originaria del medioriente, si tratta di una particolare salsa proveniente della cultura gastronomica ebraico-sefardita. La si può utilizzare in diversi modi, dai semplici crostini fino al pinzimonio. Per prepararla avrete bisogno di melanzane, aglio, limone, tahina e se volete anche paprika, da usare per guarnire (li avete riconosciuti? Molti ingredienti sono gli stessi utilizzati per preparare l’hummus di ceci!). Fate cuocere le melanzane al forno e una volta pronte schiacciatele e aggiungete la tahina, l’aglio (finemente tritato), il limone e un po’ d’olio d’oliva.

Taboulé Salat in einer Keramikschüssel | ✅ Marco Verch is a ...

Taboulè

Il taboulè (foto sopra) è una ricetta tipica della cucina libanese a base di bulgur o cous cous, di solito offerta come “mezzas” ovvero piccolo antipasto. Si tratta di un piatto dai sapori mediterranei, non così distanti dalla nostra tradizione culinaria. Il taboulè è anche molto fresco, perfetto quindi per accogliere la primavera. Per prepararlo vi serviranno del bulgur o del cous cous (potete scegliere quello che vi piace di più), pomodori, cipolla di Tropea, cetrioli, succo di limone e prezzemolo. Una volta cotta la base (bulgur o cous cous), vi basterà aggiungere pomodori, cipolla e cetrioli precedentemente tagliati a cubetti. Aggiungete poi sale e olio a piacere e abbondate con il succo di limone. Infine guarnite con il prezzemolo.