bjork
29-10-2018

Scoprite il ristorante Björk, cucina svedese a Milano

In molti conoscono la cantante islandese Björk, ma lo stesso termine in svedese significa betulla. E proprio Björk dà il nome a un ristorante che dalla Svezia porta a Milano tutto il gusto e l’atmosfera della cucina nordica. Una tappa obbligata per coloro che, in zona Porta Venezia, cercano gusti particolari.

Entrare in questa Swedish Brasserie, infatti, è come fare un tuffo in un locale contemporaneo che però rielabora i più tipici elementi scandinavi: il legno onnipresente, gli elementi di raffinato design minimale, i prodotti tipici del nord, i profumi intensi di bosco e affumicatura. Il primo impatto è tutto sensoriale entrando in questo locale che, al suo ingresso, ha anche uno spazio per acquistare carni e pesci affumicate, ma anche tanti prodotti made in Svezia.

Una volta passati alla zona del ristorante vero e proprio, lì si ha la possibilità di accedere a un menu che è nordico in ogni suo dettaglio. Dalle aringhe preparate in ogni modo (marinate, crude, in salsa ecc.) alla tartare di alce, dagli Smørrebrød (tipiche fette di pane farcito) agli gnocchi svedesi ripieni di funghi e Vasterbotten affumicato, dal filetto di renna al piccione con sanguinaccio e finferli, per non parlare di salmone, gamberetti di lago e molto altro: non c’è preparazione qui che non rimandi alle ambientazioni di Stoccolma e dintorni.

Björk mantiene sempre una doppia anima, quella di ristorante gourmet la sera e di bistrot con ricette “di casa” a pranzo. In più è appunto possibile sedersi sui tavoli tradizionali, fatti in legno chiaro di larice, che possono ospitare da 2 a 8 persone, oppure in modo più informale e “scandinavo” sedersi al bancone in marmo su dei comodi sedili con schienale per godersi in prima fila l’esperienza diretta di questa nordic cuisine.

Volete prenotare il vostro tavolo da Björk Swedish Brasserie a Milano? Su TheFork ci vogliono pochi secondi