29-03-2016

Ristoranti: ecco i più particolari

Ristoranti: ecco i più particolari – In cerca di un’esperienza gastronomica speciale? Ecco allora una selezione di alcuni tra i ristoranti più particolari in fatto di menù e location prenotabili online tra gli oltre 33.000 locali del network di TheFork. Sfoglia la nostra gallery!

 

Italia

Torino

La Bottega del Tifoso: è una recentissima apertura che ha già conquistato i tifosi juventini. Per capirne il motivo basta dare uno sguardo all’arredo in tema bianco – nero. E’ locale ideale per guardare la partita con gli  amici: non manca infatti il maxi schermo, mentre ogni tavolino è dotato di un touch screen connesso per essere sempre aggiornati sulla squadra del cuore.

La Casa del Demone: Nella città della magia bianca e nera, non può mancare un ristorante gotico-dark. Il nome non lascia spazio a dubbi in questo locale, che, alle carni al grill, combina demoniache presenze, quadri che si animano, teschi, scheletri e tombe profanate

Milano

Quack: Non tutti sanno che la carne d’oca è ricca di Omega 3, 6 e 9, nutrienti essenziali per il benessere del nostro organismo. Sarà forse per questo che Quack ha deciso di proporre un menù a base d’oca al 100%. Da provare l’hamburger d’oca con toma alle noci, pizza con speck d’oca e strachitunt o polenta con ragù … naturalmente  d’oca.

Risoelatte: Nostalgia degli anni ’60? E’ il momento di provare il ristorante Risoelatte che unisce all’atmosfera informale, simpatica e vintage, una cucina casereccia. Piatti un po’ sbeccati, bicchieri scompagnati, tavoli e le sedie in formica e la musica, rigorosamente dell’epoca, esce da un vecchio Wurlitzer del 1959…

Roma 

TramJazz: Un tram storico, restaurato come ristorante e sala da concerto che si muove fra le vie della città e nel quale si può cenare accompagnati dalla musica jazz suonata rigorosamente dal vivo. Mentre si ammira il panorama della città eterna, si può degustare un’ottima parmigiana di melanzane servita sopra una coulis di pomodoro.

L’archeologia: Il fascino di Roma antica continua anche a cena in questo suggestivo e sofisticato ristorante ospitato da un’antica stazione di posta per il cambio dei cavalli. All’interno è possibile ammirare un complesso funerario risalente al I secolo DC formato dal rudere di un mausoleo esterno e da un sepolcro ipogeo oggi adibito a cantina. Il menù propone piatti a base di pesce e di carne, preparati rivisitando le ricette tipiche della tradizione mediterranea.

Ristoaereo: A Fiumicino, un ristorante dentro la cabina di un vero aereo, il  Convair mod. Metropolitan 440 costruito a San Diego, in California. In “cabina di pilotaggio” l’executive chef Daniele Priori, giovane e affermato “artista” culinario, capace di stupire con menu originali. Disponibile anche un privé presidenziale per cene romantiche ed eventi importanti.

Firenze

L’è Maiala: Ristorante unico in Italia. Il motivo, apparentemente non evidente, è presto detto. Si tratta infatti del primo ristorante d’Italia dove si può pagare il conto anche con il metodo del baratto.

Le Carceri: All’interno dell’Ex Penitenziario Le Murate, si tratta di un ristorante ricavato da un antico carcere.  La cucina però è tutt’altro che “spartana”, ma anzi offre specialità a base di carne e pesce, pizze cotte a regola d’arte nel forno a legna, il tutto innaffiato da vini selezionati o da una vasta scelta di birre artigianali.

Francia

Les Demoiselles de Rochefort: Più che un’esperienza gastronomica,  questo ristorante di Lione permette di fare un vero e proprio viaggio nel 1600 per il suo décor rétro-chic, un ambiente a dir poco Barocco che va a braccetto con una cucina gourmet e dai sapori particolari.

Mystery Cuisine – Édouard et Thu Ha: Nel cuore di Parigi, questo locale non è sfuggito ai foodblogger della città per le particolarità della location e dei piatti che combinano sapori francesi e vietnamiti aggiungendo un pizzico di cucina molecolare. Il nome anticipa una serata all’insegna del mistero riservata a pochi clienti poiché nel ristorante vi sono solo 5 tavoli, separati da tende. Durante la cena, diversi personaggi si presentano al tavolo – dal sommelier Norbert all’alchimista venziano Alberto – per creare uno show gastronomico pieno di sorprese.

Spagna

La Castafiore: A Madrid gli amanti dell’opera sono certi di trovare pane per i loro denti a La Castafiore. Wagner, Puccini e Verdi danno nome ai menù di un ristorante, che, nel suo repertorio vanta soprattutto camerieri “canterini” pronti a intonare le più celebri arie dopo aver servito il primo piatto.

Belgio

La Cité du Dragon:  Palazzo reale della gastronomia orientale all’interno di una villa del 1923 accoglie i suoi ospiti in un’atmosfera fiabesca. Grandi vetrate, dipinti murali, statue in marmo, un giardino acquatico e 3000 m² di vegetazione lussureggiante si sposano con i sapori asiatici del menù per proiettare gli ospiti in un’antica Asia imperiale.