22-10-2019

World Pasta Day, il piatto da celebrare su TheFork

Il 25 ottobre in tutto il mondo si festeggia il World Pasta Day, una giornata per celebrare uno dei piatti italiani più noti e apprezzati in ogni angolo del pianeta. Proprio per questo anche TheFork non poteva mancare di unirsi alle celebrazioni e quest’anno lo fa con una ricerca realizzata ad hoc e con una serie di indirizzi dove gustare primi di pasta imbattibili:

La piattaforma, infatti, ha realizzato una ricerca in collaborazione con la società di ricerche di mercato internazionale BVA Doxa andando a sviscerare il rapporto che hanno gli italiani con il loro piatto feticcio. È dunque emerso che al 60% degli intervistati la pasta evoca una sensazione di piacere, mentre altri l’associano a felicità (34%) ed energia (26%). Diverso invece l’atteggiamento dei millennial, in cui un terzo dei rispondenti afferma di mangiarla per abitudine.

Ma in mezzo all’enorme varietà quali sono i formati più apprezzati? Al primo posto si collocano pari merito penne e spaghetti (70% del campione), amati rispettivamente principalmente dagli uomini e dagli under 55 per le penne e dai 55-64enni per gli spaghetti; le donne e gli under 55 amano anche le farfalle (30% delle preferenze). E per quanto riguarda i condimenti? Sul podio salgono carbonara (33%), pasta al ragù (25%) e infine il grande classico pomodoro e basilico. Ma c’è chi non manca di menzionare amatriciana, pesto e cacio e pepe, anche se su base più regionale.

Ma se già questi dati sono bastati per farvi venire l’acquolina in bocca ecco una selezione di ristoranti prenotabili su TheFork dove non potete farvi sfuggire degli ottimi piatti di pasta. Partiamo sul semplice (o meglio apparentemente semplice) con il Ristorante Nabucco a Milano per una pasta fresca pomodoro e basilico, mentre a Torino Sotto La Mole, vi preparerà un ottimo piatto di tajarin con ragù di coniglio e fave. A Genova, e dove sennò, ordinate un piatto di trofiette al pesto genovese da Au Café, mentre andate da Il Ricettario a Firenze per provare dei pici all’etrusca. Tappa da I Carracci a Bologna per un piatto di tagliatelle al ragù a punta di coltello mentre a Venezia fermatevi a Hostaria Osottoosopra per degli gnocchi di patate, baccalà e paté d’olive.

Scendiamo lungo la penisola per fermarci nella Capitale: da Casa Prati a Roma (foto sopra) si gustano dei rigatoni alla carbonara come vuole la tradizione; a Napoli, invece, da Salotto Nunziata, si va per i paccheri di Gragnano con aglio, olio e chili a filetti, mantecati al caciocavallo podolico. Vale la pena anche fermarsi a Bari da Mavì Cafè Bistrot (foto a lato) per dei tipici spaghetti all’assassina (ovvero al pomodoro e praticamente “tostati”), oppure viaggiare fino a Palermo per ordinare un piatto di busiati ai profumi di Pantelleria con pomodoro secco, capperi, olive e mandorle tostate da La Locanda del Gusto.